Salmi/salmiecantici/042: differenze tra le versioni

Da Tempo di Riforma.
(Creata pagina con "{{TOCright}} {{scs}} == Qual il cervo brama l'onda (Salmo 42) == ::1. Qual il cervo brama l'onda ::Della sete nell'ardor. ::Tal agogna sitibonda ::L'alma mia Te, Signor! ::...")
 
 
Riga 18: Riga 18:
 
::Dir con scorno sol così:
 
::Dir con scorno sol così:
 
::Dov'è dunque il tuo Signor?
 
::Dov'è dunque il tuo Signor?
::Ed allora nel mio cor
+
::Ed allora nel mio cuor
 
::Tanto forte m'addoloro,
 
::Tanto forte m'addoloro,
::he d'affanno quasi moro.
+
::Che d'affanno quasi moro.
 
   
 
   
 
::3. Ma perché t'affliggi tanto,
 
::3. Ma perché t'affliggi tanto,

Versione attuale delle 23:14, 3 gen 2014

Salmi e Cantici Sacri

"Salmi e Cantici sacri ad uso de' cristiani in chiesa, scuola e casa", a cura di Gaudenzio Torriani e Giovanni Pozzi, Coira: Casanova, 1879. 331 pagine con notazioni musicali, 20 cm.

Qual il cervo brama l'onda (Salmo 42)

1. Qual il cervo brama l'onda
Della sete nell'ardor.
Tal agogna sitibonda
L'alma mia Te, Signor!
All'ardente mio desir,
Tu la fonte vogli'aprir!
Quando mai verrò pur io
A vederti, dolce Dio!
2. Sol mi ciba mesto pianto
Ogni notte ed ogni dì,
Mentre sento d'ogni canto
Dir con scorno sol così:
Dov'è dunque il tuo Signor?
Ed allora nel mio cuor
Tanto forte m'addoloro,
Che d'affanno quasi moro.
3. Ma perché t'affliggi tanto,
Alma mia, di' perché.
Non versar più tanto pianto,
Anzi spera nella fé.
L'Ente ch'è la verità,
D'ogni mal ti salverà,
E l'onor in vari modi
Gli darai con mille lodi.
4. Altri giorni più sereni
Il Signor mi renderà,
Che per darmi nuovi beni
Sarà Dio di pietà.
Loderò con umil cuor,
Lui, che donami favor,
Quando brillano più belle
Nell'azzurro ciel le stelle.
5. Perché m'hai dimenticato,
Gli dirò, mio buon Signor?
In angustia tal lasciato,
Rocca fida del mio cuor?
Pur che sei benigno, è ver,
Che soccorri volentier,
Lo sa pure questo cuore
A dispetto del dolore.

base musicale

spartito

http://www.riforma.net/salmi/scs/042/042.png