Catmagwest/catmagwest193: differenze tra le versioni

Da Tempo di Riforma.
(Creata pagina con "D/R 192 - indice - D/R 194 '''193. Per che cosa preghiamo nella quarta petizione?''' '''Nella quarta...")
 
m
 
Riga 3: Riga 3:
 
'''193. Per che cosa preghiamo nella quarta petizione?'''
 
'''193. Per che cosa preghiamo nella quarta petizione?'''
  
'''Nella quarta petizione (che è: "Dacci oggi il nostro pane necessario" [1253]), riconoscendo che in Adamo, e tramite il nostro peccato, ci siamo pregiudicati il diritto a tutte le benedizioni esterne di questa vita, e meritiamo solo di essere completamente privati di esse da parte di Dio, e di esserne maledetti quando ne facciamo uso [1254]; e che esse di per sé stesse non sono in grado di sostenerci [1255], né noi di meritarle [1256] o con la nostra industriosità di procurarcele [1257], anzi siamo inclini a desiderarle [1258], conseguirle [1259] ed usarle illegittimamente [1260]; noi preghiamo per noi stessi e gli altri, affinché sia essi che noi, attendendoci giorno per giorno la provvidenza di Dio mediante l'uso di mezzi legittimi, noi si possa, grazie al suo liberale dono, e secondo che la sua sapienza paterna gli parrà meglio, godere di una porzione competente di essi [1261] e che egli continui a benedirci nel loro uso santo e confortevole [1262]; che di esse noi si possa accontentarci [1263] come pure ad essere protetti da''' ogni cosa che sia contraria al nostro sostegno e conforto temporale [1264].
+
'''Nella quarta petizione (che è: "Dacci oggi il nostro pane necessario" [1253]), riconoscendo che in Adamo, e tramite il nostro peccato, ci siamo pregiudicati il diritto a tutte le benedizioni esterne di questa vita, e meritiamo solo di essere completamente privati di esse da parte di Dio, e di esserne maledetti quando ne facciamo uso [1254]; e che esse di per sé stesse non sono in grado di sostenerci [1255], né noi di meritarle [1256] o con la nostra industriosità di procurarcele [1257], anzi siamo inclini a desiderarle [1258], conseguirle [1259] ed usarle illegittimamente [1260]; noi preghiamo per noi stessi e gli altri, affinché sia essi che noi, attendendoci giorno per giorno la provvidenza di Dio mediante l'uso di mezzi legittimi, noi si possa, grazie al suo liberale dono, e secondo che la sua sapienza paterna gli parrà meglio, godere di una porzione competente di essi [1261] e che egli continui a benedirci nel loro uso santo e confortevole [1262]; che di esse noi si possa accontentarci [1263] come pure ad essere protetti da ogni cosa che sia contraria al nostro sostegno e conforto temporale [1264]'''.
  
 
[1253] {{Passo biblico|Matteo 6:11}}; [1254] {{Passo biblico|Genesi 2:17; Genesi 3:17; Romani 8:20-22; Geremia 5:25; Deuteronomio 28:15-17 }}; [1255] {{Passo biblico|Deuteronomio 8:3}}; [1256] {{Passo biblico|Genesi 32:10}}; [1257] {{Passo biblico|Deuteronomio 8:17-18}}; [1258] {{Passo biblico|Geremia 6:13; Marco 7:21-22}}; [1259] {{Passo biblico|Osea 12:7}}; [1260] {{Passo biblico|Giacomo 4:3}}; [1261] {{Passo biblico|Genesi 63:12-14; Genesi 28:20; Efesini 4:28; 2 Tessalonicesi 3:11-12; Filippesi 4:6}}; [1262] {{Passo biblico|1 Timoteo 4:3-5}}; [1263] {{Passo biblico|1 Timoteo 6:6-8}}; [1264] {{Passo biblico|Proverbi 30:8-9}}.
 
[1253] {{Passo biblico|Matteo 6:11}}; [1254] {{Passo biblico|Genesi 2:17; Genesi 3:17; Romani 8:20-22; Geremia 5:25; Deuteronomio 28:15-17 }}; [1255] {{Passo biblico|Deuteronomio 8:3}}; [1256] {{Passo biblico|Genesi 32:10}}; [1257] {{Passo biblico|Deuteronomio 8:17-18}}; [1258] {{Passo biblico|Geremia 6:13; Marco 7:21-22}}; [1259] {{Passo biblico|Osea 12:7}}; [1260] {{Passo biblico|Giacomo 4:3}}; [1261] {{Passo biblico|Genesi 63:12-14; Genesi 28:20; Efesini 4:28; 2 Tessalonicesi 3:11-12; Filippesi 4:6}}; [1262] {{Passo biblico|1 Timoteo 4:3-5}}; [1263] {{Passo biblico|1 Timoteo 6:6-8}}; [1264] {{Passo biblico|Proverbi 30:8-9}}.

Versione attuale delle 00:10, 2 mag 2018

D/R 192 - indice - D/R 194

193. Per che cosa preghiamo nella quarta petizione?

Nella quarta petizione (che è: "Dacci oggi il nostro pane necessario" [1253]), riconoscendo che in Adamo, e tramite il nostro peccato, ci siamo pregiudicati il diritto a tutte le benedizioni esterne di questa vita, e meritiamo solo di essere completamente privati di esse da parte di Dio, e di esserne maledetti quando ne facciamo uso [1254]; e che esse di per sé stesse non sono in grado di sostenerci [1255], né noi di meritarle [1256] o con la nostra industriosità di procurarcele [1257], anzi siamo inclini a desiderarle [1258], conseguirle [1259] ed usarle illegittimamente [1260]; noi preghiamo per noi stessi e gli altri, affinché sia essi che noi, attendendoci giorno per giorno la provvidenza di Dio mediante l'uso di mezzi legittimi, noi si possa, grazie al suo liberale dono, e secondo che la sua sapienza paterna gli parrà meglio, godere di una porzione competente di essi [1261] e che egli continui a benedirci nel loro uso santo e confortevole [1262]; che di esse noi si possa accontentarci [1263] come pure ad essere protetti da ogni cosa che sia contraria al nostro sostegno e conforto temporale [1264].

[1253] Matteo 6:11; [1254] Genesi 2:17; Genesi 3:17; Romani 8:20-22; Geremia 5:25; Deuteronomio 28:15-17 ; [1255] Deuteronomio 8:3; [1256] Genesi 32:10; [1257] Deuteronomio 8:17-18; [1258] Geremia 6:13; Marco 7:21-22; [1259] Osea 12:7; [1260] Giacomo 4:3; [1261] Genesi 63:12-14; Genesi 28:20; Efesini 4:28; 2 Tessalonicesi 3:11-12; Filippesi 4:6; [1262] 1 Timoteo 4:3-5; [1263] 1 Timoteo 6:6-8; [1264] Proverbi 30:8-9.


Q. 193. What do we pray for in the fourth petition?

A. In the fourth petition,(which is, Give us this day our daily bread,[1253]) acknowledging, that in Adam, and by our own sin, we have forfeited our right to all the outward blessings of this life, and deserve to be wholly deprived of them by God, and to have them cursed to us in the use of them;[1254] and that neither they of themselves are able to sustain us,[1255] nor we to merit,[1256] or by our own industry to procure them;[1257] but prone to desire,[1258] get,[1259] and use them unlawfully:[1260] we pray for ourselves and others, that both they and we, waiting upon the providence of God from day to day in the use of lawful means, may, of his free gift, and as to his fatherly wisdom shall seem best, enjoy a competent portion of them;[1261] and have the same continued and blessed unto us in our holy and comfortable use of them,[1262] and contentment in them;[1263] and be kept from all things that are contrary to our temporal support and comfort.[1264]