Catmagwest/catmagwest113: differenze tra le versioni

Da Tempo di Riforma.
(Creata pagina con "D/R 112 - indice - D/R 114 '''D. Quali sono i peccati proibiti nel terzo comandamento?''' '''R. I pe...")
 
Riga 1: Riga 1:
 
[[Catmagwest/catmagwest112|D/R 112]] - [[Catmagwest|indice]] - [[Catmagwest/catmagwest114|D/R 114]]
 
[[Catmagwest/catmagwest112|D/R 112]] - [[Catmagwest|indice]] - [[Catmagwest/catmagwest114|D/R 114]]
  
'''D. Quali sono i peccati proibiti nel terzo comandamento?'''
+
'''113. Quali sono i peccati proibiti nel terzo comandamento?'''
  
'''R. I peccati proibiti nel terzo comandamento sono: non far uso del nome di Dio così com'è richiesto; l'abuso del nome di Dio in maniera ignorante, vana, meno che rispettosa, profana, superstiziosa; empia menzione, o altrimenti far uso dei Suoi titoli, attributi, ordinanze od opere con la bestemmia e lo spergiuro; ogni empia esecrazione, giuramenti, voti e qualsiasi sortilegio; violare legittimi giuramenti e voti, oppure adempierli con cose illegittime; mormorare e contestare ciò che Dio decreta o dispone [provvede], pretendere di sondarne le ragioni ed applicarlo in modo perverso; equivocare, applicare in modo improprio o pervertire in qualsiasi modo la Parola o parte di essa; giochi profani, questioni curiose ed inutili, dispute vane o difesa di false dottrine; abusare di esso, delle creature o di ogni cosa implicita al nome di Dio; incantesimi, atti nefandi o libidinosi; malevolenza, disprezzo, oltraggio o contestazione [attacco] di qualunque tipo alla verità, grazia o vie di Dio; professare la religione ipocritamente o per fini sinistri; vergognarsi di esso o esserne di vergogna con comportamenti non conformi [discordanti], imprudenti, infruttuosi od offensivi, oppure apostatando da esso [rinnegarlo].'''
+
'''I peccati proibiti nel terzo comandamento sono: non usare il nome di Dio come richiesto [579]; e l’abuso di esso in maniera ignorante [580], vana [581], irreverente, profana [582], superstiziosa [583]; menzionare malvagiamente o altrimenti far uso dei suoi titoli, attributi [584], ordinanze [585], o opere [586] attraverso la bestemmia [587], lo spergiuro [588]; ogni impropero peccaminoso [589], giuramenti [590], voti [591] e estrazioni a sorte [592], violare i nostri giuramenti e voti, se legittimi [593]; e adempierli, se di cose illegittime [594]; mormorare e contestarli [595], cercare di sondarli in modo curioso [596] e non applicare rettamente i decreti di Dio [597] e provvidenze [598]; interpretarlo erroneamente [599], applicarlo in modo illegittimo [600], o pervertire in qualsiasi modo la Parola o parti di essa [601], scherzi profani [602], domande curiose e senza profitto, vane ciance, o il menzionare false dottrine [603], abusarne le creature o qualsiasi cosa contenuta sotto il nome di Dio, incantesimi [604], o concupiscente e pratiche peccaminose [605], il malignare [606], spregio [607], oltraggi [608] o qualsiasi scaltra opposizione alla verità di Dio, grazia e vie [609], fare professione di religione con ipocrisia o per fini sinistri [610], vergognarsi di essa [611] o vergognarsene attraverso un comportamento discordante [612], non saggio [613], infruttuoso [614] ed offernsivo [615], oppure apostatare da esso [616].'''
 +
 
 +
[579] Malachia 2:2; [580] Atti 17:23; [581] Proverbi 30:9; [582] Malachia 1:6-7,12; Malachia 3:14; [583] 1 Samuele 4:3-5; Geremia 7:4,9-10,14,31; Colossesi 2:20-22; [584] 2 Re 18:30,35; Esodo 5:2; Salmo 139:20; [585] Salmi 50:16-17; [587] 2 Re 19:22; Levitico 24:11; [588] Zaccaria 5:4; 8:17; [589] 1 Samuele 17:43; 2 Samuele 16:5; [590] Geremia 5:7; Geremia 23:10; [591] Deuteronomio 23:18; Atti 23:12,14; [592] Ester 3:7; 9:24; Salmi 22:18; [593] Salmo 24:4; Ezechiele 17:16,18-19; [594] Marco 6:26; 1 Samuele 25:22;32-34; [595] Romani 9:14,19-20; [596] Deuteronomio 29:29; [597] Romani 3:5-7; Romani 6:1; [598] Ecclesiaste 8:11; 9:3; [599] Matteo 5:21-22; [600] Ezechiele 13:22; [601] 2 Pietro 3:16; Matteo 22:24-31; Matteo 25:28-30; [602] Isaia 22:13; Geremia 23:345,36,38; [603] 1 Timoteo 1:4,6-7; 1 Timoteo 6:4-5,2; 2 Timoteo 2:14; Tito 3:9; [604] Deuteronomio 18:10-14; Atti 19:13; [605] 2 Timoteo 4:3-4; Romani 13:13-14; 1 Re 21:9-10; Giuda 4; [606] Atti 13:45; 1 Giovanni 3:12; [607] Salmo 1:1; 2 Pietro 3:3; [608] 1 Pietro 4:4; [609] Atti 13:45-46,50; Atti 4:18; 19:9; 1 Tessalonicesi 2:16; Ebrei 10:29; [610] 2 Timoteo 3:5; Matteo 23:14; Matteo 6:1-2,5,16; [611] Marco 8:38; [612] Salmi 73:14-15; [613] 1 Corinzi 6:5-6; Efesini 5:15-17; [614] Isaia 5:4; 2 Pietro 1:8-9; [614] Isaia 5:4; 2 Pietro 1:8-9; [615] Romani 3:22-23; [616] Galati 3:1,3; Ebrei 6:6.
  
 
== Testo originale ==
 
== Testo originale ==

Versione delle 17:05, 14 apr 2018

D/R 112 - indice - D/R 114

113. Quali sono i peccati proibiti nel terzo comandamento?

I peccati proibiti nel terzo comandamento sono: non usare il nome di Dio come richiesto [579]; e l’abuso di esso in maniera ignorante [580], vana [581], irreverente, profana [582], superstiziosa [583]; menzionare malvagiamente o altrimenti far uso dei suoi titoli, attributi [584], ordinanze [585], o opere [586] attraverso la bestemmia [587], lo spergiuro [588]; ogni impropero peccaminoso [589], giuramenti [590], voti [591] e estrazioni a sorte [592], violare i nostri giuramenti e voti, se legittimi [593]; e adempierli, se di cose illegittime [594]; mormorare e contestarli [595], cercare di sondarli in modo curioso [596] e non applicare rettamente i decreti di Dio [597] e provvidenze [598]; interpretarlo erroneamente [599], applicarlo in modo illegittimo [600], o pervertire in qualsiasi modo la Parola o parti di essa [601], scherzi profani [602], domande curiose e senza profitto, vane ciance, o il menzionare false dottrine [603], abusarne le creature o qualsiasi cosa contenuta sotto il nome di Dio, incantesimi [604], o concupiscente e pratiche peccaminose [605], il malignare [606], spregio [607], oltraggi [608] o qualsiasi scaltra opposizione alla verità di Dio, grazia e vie [609], fare professione di religione con ipocrisia o per fini sinistri [610], vergognarsi di essa [611] o vergognarsene attraverso un comportamento discordante [612], non saggio [613], infruttuoso [614] ed offernsivo [615], oppure apostatare da esso [616].

[579] Malachia 2:2; [580] Atti 17:23; [581] Proverbi 30:9; [582] Malachia 1:6-7,12; Malachia 3:14; [583] 1 Samuele 4:3-5; Geremia 7:4,9-10,14,31; Colossesi 2:20-22; [584] 2 Re 18:30,35; Esodo 5:2; Salmo 139:20; [585] Salmi 50:16-17; [587] 2 Re 19:22; Levitico 24:11; [588] Zaccaria 5:4; 8:17; [589] 1 Samuele 17:43; 2 Samuele 16:5; [590] Geremia 5:7; Geremia 23:10; [591] Deuteronomio 23:18; Atti 23:12,14; [592] Ester 3:7; 9:24; Salmi 22:18; [593] Salmo 24:4; Ezechiele 17:16,18-19; [594] Marco 6:26; 1 Samuele 25:22;32-34; [595] Romani 9:14,19-20; [596] Deuteronomio 29:29; [597] Romani 3:5-7; Romani 6:1; [598] Ecclesiaste 8:11; 9:3; [599] Matteo 5:21-22; [600] Ezechiele 13:22; [601] 2 Pietro 3:16; Matteo 22:24-31; Matteo 25:28-30; [602] Isaia 22:13; Geremia 23:345,36,38; [603] 1 Timoteo 1:4,6-7; 1 Timoteo 6:4-5,2; 2 Timoteo 2:14; Tito 3:9; [604] Deuteronomio 18:10-14; Atti 19:13; [605] 2 Timoteo 4:3-4; Romani 13:13-14; 1 Re 21:9-10; Giuda 4; [606] Atti 13:45; 1 Giovanni 3:12; [607] Salmo 1:1; 2 Pietro 3:3; [608] 1 Pietro 4:4; [609] Atti 13:45-46,50; Atti 4:18; 19:9; 1 Tessalonicesi 2:16; Ebrei 10:29; [610] 2 Timoteo 3:5; Matteo 23:14; Matteo 6:1-2,5,16; [611] Marco 8:38; [612] Salmi 73:14-15; [613] 1 Corinzi 6:5-6; Efesini 5:15-17; [614] Isaia 5:4; 2 Pietro 1:8-9; [614] Isaia 5:4; 2 Pietro 1:8-9; [615] Romani 3:22-23; [616] Galati 3:1,3; Ebrei 6:6.

Testo originale

Inglese Latino
Q. 113: What are the sins forbidden in the third commandment? A.: The sins forbidden in the third commandment are, the not using of God's name as is required; and the abuse of it in an ignorant, vain, irreverent, profane, superstitious, or wicked mentioning, or otherwise using his titles, attributes, ordinances, or works, by blasphemy, perjury; all sinful cursings, oaths, vows, and lots; violating of our oaths and vows, if lawful; and fulfilling them, if of things unlawful; murmuring and quarreling at, curious prying into, and misapplying of God's decrees and providences; misinterpreting, misapplying, or any way perverting the Word, or any part of it, to profane jests, curious or unprofitable questions, vain janglings, or the maintaining of false doctrines; abusing it, the creatures, or anything contained under the name of God, to charms, or sinful lusts and practices; the maligning, scorning, reviling, or anywise opposing of God's truth, grace, and ways; making profession of religion in hypocrisy, or for sinister ends; being ashamed of it, or a shame to it, by unconformable, unwise, unfruitful, and offensive walking, or backsliding from it. Q. Quaenam peccata sunt prohibita in tertio mandato? R. Peccata in tertio mandato prohibita sunt, neglectus utendi Divino nomine eo quo requitur modo, atque abusus eiusdem ignorante, vana, minus reverente, profana, superstitiosa, ac impia mentione, aut alio usu titulorum eius, periurio, impiae execrationes, impia iuramenta, vota, ac sortilegiam queviscunque iuramentum nostrorum, votorumque quae licita sunt violatio, que de rebus non licitis observatio, adversus Dei decreta, et providentiam obmurmuratio, aut expostulatio; eadem curiose rimari, et perverse applicare, aut quovis modo pervertere, ad iocos profanos, ad quaestiones curiosas ac inutiles, ad altercationes vanas, aut falsae Doctrinae defensionem. Verbi Dei abusus, vel creaturarum, aut rei cuiusvis sub nomine Dei comprehensae, ad incantamenta, aut nefarias seu libidines sive actiones; malevolentia, contemptu, contumelia, aut quovis modo impugnare veritatem, gratiam, viasque Dei; religionis professio hypocritica, aut in alim quam par est finem, eam pro dedecore habere, eive esse dedecori; absque solatio, imprudenter, infructuose, se cum offensione ambulando, vel apostasia ab eadem.

Riferimenti biblici