Catmagwest/catmagwest105

Da Tempo di Riforma.
< Catmagwest
Versione del 24 set 2015 alle 23:25 di Pcastellina (Discussione | contributi) (Creata pagina con "D/R 104 - indice - D/R 106 '''D. 105. Quali sono i peccati proibiti nel primo comandamento?''' '''R....")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

D/R 104 - indice - D/R 106

D. 105. Quali sono i peccati proibiti nel primo comandamento?

R. I peccati proibiti nel primo comandamento sono: (1) l’ateismo, vale a dire negare o non avere un Dio. (2) l’idolatria, vale a dire avere o adorare più di un solo Dio, o chiunque altro insieme o invece del vero Dio; (3) non averlo o professarlo apertamente come Dio, e nostro Dio; (4) l’omissione o la negligenza di qualunque cosa che a Dio sia dovuta e richiesta nel primo comandamento; (5) l’ignoranza [volontaria], la dimenticanza, il fraintendimento, le false opinioni, intrattenere pensieri indegni e malvagi su di Dio. (6) Il tentativo audace e curioso di scrutare in ciò che Dio intende che rimanga celato. (7) qualsiasi empietà (profanità); (8) odio contro Dio; (9) amore di sé stessi; (10) egocentrismo; (11) e tutte le altre disposizioni disordinate ed immoderate della nostra mente, della volontà, o degli affetti verso altre cose, e sottratte a lui interamente o in parte; (12) vana credulità; (13) infedeltà; 14) l’eresia; (15) fede erronea (miscredenza); (16) la diffidenza; (17) il disperare. (18) l’incorreggibilità; (19) l’indifferenza sotto i giudizi; (20) la durezza di cuore; (21) superbia; (22) la presunzione; (23) la sicurezza carnale; (24) tentare (sfidare) Dio; (25) fare uso di mezzi illeciti e confidare in mezzi leciti; (26) i piaceri e le gioie carnali; (27) lo zelo corrotto, cieco ed imprudente; (28) la tiepidezza e l’indolenza nelle cose di Dio; (29) estraniarci (alienarci) ed apostatare da Dio; (30) pregare, o rendere un qualunque culto religioso, a santi, ad angeli, o a qualsiasi altra creatura; (31) tutti i patti e le consultazioni col diavolo ed il dare ascolto ai suoi suggerimenti. (32) fare degli uomini i signori della nostra fede e coscienza; (33) stimare poco e disprezzare Dio ed i Suoi comandamenti; (34) resistere al suo Spirito e contristarlo, (35) la scontentezza e l’impazienza per le sue dispensazioni, accusarlo stoltamente dei mali che egli c’infligge; (36) attribuire la lode di qualsiasi bene noi siamo, abbiamo o possiamo fare, alla fortuna, agli idoli, a noi stessi, o a qualsiasi altra creatura.

Testo originale

Inglese Latino
Q. What are the sins forbidden in the first commandment? A. The sins forbidden in the first commandment are, (1) atheism, in denying or not having a God; (2) idolatry, in having or worshiping more gods than one, or any with or instead of the true God; (3) the not having and avouching him for God, and our God; (4) the omission or neglect of anything due to him, required in this commandment; (5) ignorance, forgetfulness, misapprehensions, false opinions, unworthy and wicked thoughts of him; (6) bold and curious searching into his secrets; (7) all profaneness, (8) hatred of God; (9) self-love, (10) self-seeking, and all other inordinate and immoderate setting of our mind, will, or affections upon other things, and taking them off from him in whole or in part; (12) vain credulity, (13) unbelief, (14) heresy, (15) misbelief, (16) distrust, (17) despair, (18) incorrigibleness, (19) and insensibleness under judgments, (20) hardness of heart, (21) pride, (22) presumption, (23) carnal security, (24) tempting of God; (25) using unlawful means, and trusting in lawful means; (26) carnal delights and joys; (27) corrupt, blind, and indiscreet zeal; (28) lukewarmness, and deadness in the things of God; (29) estranging ourselves, and apostatizing from God; (30) praying, or giving any religious worship, to saints, angels, or any other creatures; (31) all compacts and consulting with the devil, and hearkening to his suggestions; (32) making men the lords of our faith and conscience; (33) slighting and despising God and his commands; (34) resisting and grieving of his Spirit, (35) discontent and impatience at his dispensations, charging him foolishly for the evils he inflicts on us; and (36) ascribing the praise of any good we either are, have, or can do, to fortune, idols, ourselves, or any other creature. Q. Quaenam sunt peccata illa, quae in primo hoc mandato prohibentur? R. Peccata quae in primo hoc mandato prohibentur sunt, (1) Atheismus, quo quis Deum aut esse negat, aut certe nullum habet: (2) Idololatria, que habet aut colit plures Deos uno, aut alium quemvis simul cum vero Deo, aut eius loco: (3) Eundem pro Deo Deoque nostro vel nostro vel non habere, vel non profiteri; (4) Cujusvis illi debiti in hoc mandato imperati omissio vel neglectus: (5) cum ignorare, aut oblivisci; conceptus opinionesque falsi, indignae ac impiae de ipso cogitationes, (6) audax et curiosa in illius secreta inquisitio: (7) impietas omnis, (8) odium Dei, (9)amor sui, (10) sui studium, (11) et alia quaevis animi nostri, voluntatis, affectionumve rebus aliis inordinata ac immoderata applicatio, earumve a Deo vel totalis vel partialis avocatio, (12) credulitas vana, (13) infidelitas, (14) haeresis, (15) fides erronea, (16) diffidentia, (17) desperatio, (18) incorrigibilitas ac (19) stupiditas sub iudiciis Deo, (20) durities cordis, (21) superbia, (22) presumptio, (23) carnalis securitas, (24) tentatio Deo, (25) mediorum non licitorum usus, in licitis fiducia, (26) oblectationes et gaudia carnalia, (27) zelus corruptus coecus ac imprudens; (28) tepiditas et languor in rebus Dei, (29) a Deo abalienatio nostri, ac apostasia; (30) preces aut cultus quivis religiosus exhibitus sanctis, Angelis, ac creaturis aliis quibuscunque, (31) pectiones quaevis cum diabolo, eum consulere, iisque quae ab illo suggeruntur, auscultare, (32) fidei nostrae et conscientiae dominos homines constituere, (33) Deum ac mandata eius parvi aestimare, et contemnere; (34) spiritus eius contristare ac impugnare, (35) dispensationes eius moleste ac impatienter ferre, eiusdem stulta incusatio ob ea que nobis infligit mala, (36) laudem boni cuiusvis quot aut sumus, possumus, aut possidemus, fortunae, idolis, nobismetipsia, aut alli cuicunque creaturae impertire.

Commento