Catmagwest/catmagwest025

Da Tempo di Riforma.
< Catmagwest
Versione del 2 apr 2015 alle 14:13 di Pcastellina (Discussione | contributi) (Creata pagina con "D/R 24 - indice - D/R 26 == D/R 25 == '''D. 25 In che cosa consiste la peccaminosità di quello stat...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

D/R 24 - indice - D/R 26

D/R 25

D. 25 In che cosa consiste la peccaminosità di quello stato in cui è caduto l'uomo?.

R. La peccaminosità di quello stato in cui è caduto l'uomo, consiste nella colpa in cui è incorso il primo peccato di Adamo [91], nella mancanza di quella giustizia nella quale era stato creato, ed anche nella corruzione della sua natura, che lo ha reso del tutto inabile, impotente ed apertamente avverso a tutto ciò che è spiritualmente buono, come pure completamente e continuamente propenso ad ogni male [92]. Questo è comunemente chiamato peccato originale, e da questo provengono tutti i peccati attuali [93].

Testo originale

Testo del titolo Testo del titolo
Question 25: Wherein consists the sinfulness of that estate whereinto man fell? Answer: The sinfulness of that estate whereinto man fell, consists in the guilt of Adam's first sin, the want of that righteousness wherein he was created, and the corruption of his nature, whereby he is utterly indisposed, disabled, and made opposite unto all that is spiritually good, and wholly inclined to all evil, and that continually; which is commonly called original sin, and from which do proceed all actual transgressions. 25. Q. In quo consistit status illius, in quem lapsus est homo, peccaminositas? R. Status illius, in quem lapsus est homo, peccaminositas, consistit in reatu primi peccati, quod admisit Adamus, in carentia illius iustitiae in qua idem est creatus, ut etiam in corruptione naturae suae, unde inhabilis prorsus, ac impotens factus est ad bonum omne spirituale; eique plane oppositus, ad malum autem omne proclivis penitus et quidem perpetuo; quod peccatum originale vulgo dicitur; indeque proveniunt peccata omnia actualia.

Riferimenti biblici

Riferimenti biblici estesi

  • La colpa del primo peccato di Adamo imputata a tutta l'umanità. "Perciò, come per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato la morte, e così la morte è passata su tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato... Infatti, come per la disubbidienza di un solo uomo i molti sono stati resi peccatori..."(Romani 5:12,19).
  • L'umanità universalmente e totalmente depravata nel peccato. "...com'è scritto:«Non c'è nessun giusto,neppure uno.Non c'è nessuno che capisca, non c'è nessuno che cerchi Dio. Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corrotti.Non c'è nessuno che pratichi la bontà,no, neppure uno».«La loro gola è un sepolcro aperto;con le loro lingue hanno tramato frode».«Sotto le loro labbra c'è un veleno di serpenti».«La loro bocca è piena di maledizione e di amarezza».«I loro piedi sono veloci a spargere il sangue.Rovina e calamità sono sul loro camminoe non conoscono la via della pace».«Non c'è timor di Dio davanti ai loro occhi».Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge, affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio"(Romani 3:10-19).
  • L'umanità morta nel peccato e quindi incapace di piacere a Dio. "Dio ha vivificato anche voi, voi che eravate morti nelle vostre colpe e nei vostri peccati,ai quali un tempo vi abbandonaste seguendo l'andazzo di questo mondo, seguendo il principe della potenza dell'aria, di quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli.Nel numero dei quali anche noi tutti vivevamo un tempo, secondo i desideri della nostra carne, ubbidendo alle voglie della carne e dei nostri pensieri; ed eravamo per natura figli d'ira, come gli altri"(Efesini 2:1-3).
  • L'umanità spiritualmente senza forza ed empia." Infatti, mentre noi eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi"(Romani 5:6).
  • L'umanità in stato di inimicizia contro Dio e non può piacere a Dio. "... infatti ciò che brama la carne è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio e neppure può esserlo;e quelli che sono nella carne non possono piacere a Dio"(Romani 8:7-8).
  • L'umanità peccatrice non solo nei suoi atti, ma anche nell'immaginazione e nei suoi pensieri." Il SIGNORE vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo"(Genesi 6:5).
  • Il peccato originale è fonte delle trasgressioni fattive. "...invece ognuno è tentato dalla propria concupiscenza che lo attrae e lo seduce.Poi la concupiscenza, quando ha concepito, partorisce il peccato; e il peccato, quando è compiuto, produce la morte (Giacomo 1:14-15).
  • Gli atti peccaminosi procedono da un cuore corrotto e peccatore. "Poiché dal cuore vengono pensieri malvagi, omicidi, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, diffamazioni" (Matteo 15:19).

Commento

La peccaminosità di quello stato in cui è caduto l'uomo, consiste nella colpa in cui è incorso il primo peccato di Adamo, nella mancanza [privazione] di quella giustizia nella quale era stato creato, ed anche nella corruzione della sua natura, che lo ha reso del tutto [assolutamente] inabile [incapace], impotente ed apertamente avverso [contrapposto] a tutto ciò che è spiritualmente buono [ad ogni bene spirituale] e completamente [in maniera radicale, in modo completo, in maniera totale] e continuamente [costantemente] propenso [incline] ad ogni male. Questo è comunemente chiamato peccato originale, e da questo provengono tutti i peccati [trasgressioni] attuali [concreti, effettivi].

L'ideologia umanista, che permea la società contemporanea e che pure ha contaminato gran parte delle chiese cristiane oggi, coltiva una sorta di "ottimismo antropologico" per il quale l'essere umano sarebbe fondamentalmente buono, potenzialmente in grado d'amare e di fare buone scelte allorché sia guidato ed educato. Tutto ciò non è altro che un infondato e "romantico" idealismo, un auto-inganno che non ha nulla a che fare con l'insegnamento biblico e che, scontrandosi inevitabilmente con la "dura realtà", porta chi si affida a questi fallaci presupposti al fallimento ed alla sistematica delusione.

Questo "ottimismo antropologico" può essere fatto risalire in gran parte alla filosofia http://it.wikipedia.org/wiki/Illuminismo illuminista di http://it.wikipedia.org/wiki/Jean-Jacques_Rousseau Jean-Jacques Rousseau (1712-1778). Secondo Rousseau, autore della teoria del "buon selvaggio", l'essere umano sarebbe buono per natura: la corruzione e l'inclinazione al male verrebbero dal di fuori; avrebbero origine cioè dagli ordinamenti della società. Una volta che questi siano stati mutati, - esso sostiene - il male sparirebbe e subentrerebbe il regno della beatitudine e della felicità. Un tale pensiero di fatto capovolge l'insegnamento biblico, alterando e vanificando l'Evangelo, com'è annunciato ed esposto dal Nuovo Testamento. Solo l'Evangelo cristiano può, però, dare autentica speranza perché presuppone, realisticamente la radicale corruzione dell'essere umano dovuto alla Caduta. Dio soltanto, infatti, attraverso la Persona e l'opera di Gesù Cristo, può di fatto operare la rigenerazione dell'individuo che si affida a Lui mediante la potenza dello Spirito Santo e non altrimenti.

Per quanto il mondo moderno derida la dottrina della depravazione totale (e sia negata pure da chiese ad esso compiacenti) la fede cristiana biblica è dunque realisticamente pessimista sulla condizione e capacità umane. Essa confida non nelle risorse umane, ma nell'efficace opera della grazia di Dio attraverso il ravvedimento e la fede in Gesù Cristo. L'antropologia cristiana fedele all'insegnamento biblico presenta il peccato come la causa della totale corruzione della natura umana. Da questo peccato l'opera di Dio in Cristo intende salvarci.

La Bibbia ci insegna che vi sono due tipi di peccato: (1) il peccato originale, il peccato radicato nella nostra natura, quello con il quale nasciamo; (2) le trasgressioni fattive o attuali, i peccati pratici e specifici che commettiamo noi stessi e che trovano nel primo la loro radice. E' stato giustamente infatti detto che non siamo peccatori perché pecchiamo, ma pecchiamo perché siamo peccatori.

Perdendo la giustizia (o rettitudine) con la quale era stato creato (la sua giustizia originale) la creatura umana è decaduta con Adamo ed in Adamo tanto da corrompere interamente la sua natura, un guasto che intacca ogni aspetto del nostro essere. Si parla così di "depravazione totale" dell’essere umano. Questo non vuole dire che egli sia sempre tanto malvagio quanto lo possa essere, ma che la caduta ha pregiudicato il corretto funzionamento di ogni sua facoltà, che ne risulta così disfunzionale.

La depravazione totale della natura umana non implica che la persona non rigenerata non possa fare alcunché di buono. Di fatto, a causa di quella che è stata chiamata "grazia comune" (o provvidenziale ritenzione, vale a dire l'azione provvidenziale di Dio che mette un limite al potere distruttore del peccato in vista della sua futura totale eliminazione), la persona non rigenerata può fare le cose buone che tali sono giudicate dalla società umana (secondo i propri criteri). Per esempio, anche una persona non rigenerata è in grado di salvare, a rischio della propria vita, chi sta per annegare. La persona non rigenerata, però, non può far nulla di spiritualmente buono, nulla che sia realmente buono e gradito agli occhi di Dio in conformità ai Suoi criteri (quelli che soli valgono). Può fare eventualmente cose che sono buone in sé stesse, ma non le farà mai con la giusta motivazione, vale a dire, tramite esse, amando, servendo e compiacendo Dio.

Dalla dottrina biblica della radicale corruzione della natura umana impariamo dunque che i peccati che commettiamo sorgono dalla corruzione del nostro cuore e quindi che tentare di riformare esteriormente la vita senza purificare il cuore non può portare mai ad una vita che possa dirsi veramente buona né tanto meno "salvare" una persona. Non è possibile, infatti, salvare sé stessi dalla nostra condizione di peccato originale e di depravazione totale. Il Signore ci dice nella Sua Parola: "Potrebbe il moro mutar la sua pelle, o il pardo le sue macchie? Potreste altresì voi, assuefatti a far male, far il bene?" (Geremia 13:23 Diodati). Non siamo, infatti, semplicemente "infermi", ma morti nei nostri peccati e nelle nostre trasgressioni: per questo noi siamo spiritualmente impotenti ed incapaci a salvare noi stessi (o anche solo cominciare a farlo). Una persona potrebbe al massimo riformare in una certa qual misura la sua vita esteriore, ma non potrà darsi un nuovo cuore. Potrà modificare per alcuni versi la sua condotta, ma non potrà risuscitare sé stesso dalla morte spirituale più di quanto possa salvarsi dall'annegare tirandosi da solo fuori dall'acqua per i capelli (Cfr. http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=Efesini+2%3A1-10 Efesini 2:1-10).

Nota

Affermando la realtà del peccato originale respingiamo la dottrina del sacramentalismo cattolico-romano secondo la quale il battesimo avrebbe il potere di cancellare il peccato originale e di rigenerare spiritualmente il battezzato. L'erronea dottrina del Cattolicesimo è espressa dal Catechismo ufficiale della Chiesa cattolica al punto 1263 dove si afferma: "Per mezzo del Battesimo sono rimessi tutti i peccati, il peccato originale e tutti i peccati personali, come pure tutte le pene del peccato. In coloro che sono stati rigenerati, infatti, non rimane nulla che impedisca loro di entrare nel regno di Dio, né il peccato di Adamo, né il peccato personale, né le conseguenze del peccato, di cui la più grave è la separazione da Dio". Non è il battesimo che ci salva dal peccato e dalle sue conseguenze, ma solo la grazia di Dio in Gesù Cristo ricevuta per sola fede. Il battesimo solo proclama e certifica la promessa di Dio in Gesù Cristo per tutti coloro che giungono al ravvedimento ed alla fede nel Signore e Salvatore Gesù Cristo.