Studi biblici/Luca 21:5-19

Da Tempo di Riforma.

I veri protagonisti nel teatro della storia

Una sanguinosa lotta fra signorie in competizione

Sin da quando l'umanità si è ribellata a Dio, avendolo rinnegato come il suo unico legittimo Signore, la storia di questo mondo potrebbe indubbiamente essere descritta come una costante lotta di potere, spesso "all'ultimo sangue", fra individui, gruppi e nazioni che vogliono signoreggiare gli uni sugli altri; una costante lotta di carattere militare, economico o sociale, per l'egemonia. Questo include pure i tentativi di imporre come oggetto di culto e di ubbidienza, falsi dei e falsi signori, simulacri di divinità. Infine, non bisogna dimenticarlo, in tutto questo, bisogna includere naturalmente anche la reazione di chi non vuole essere dominato dal "signore di turno": il che, anche se ben giustificato, non basta per migliorare la situazione. A suo tempo, infatti, anche i liberati diventano spesso nuovi oppressori.

In questo quadro, il popolo di Dio fedele attraverso i secoli, ieri ed oggi, sono quegli uomini e quelle donne che, redenti e trasformati dalla Grazia, tornano a porre Dio, il Dio vero e vivente, il Signore, sul trono della loro vita, il trono che a Lui soltanto spetta, rifiutandosi di ubbidire ai vari déi e signori proposti o imposti loro. Come infatti scrive l'apostolo Paolo: "Poiché, sebbene vi siano cosiddetti dèi, sia in cielo sia in terra, come infatti ci sono molti dèi e signori, tuttavia per noi c'è un solo Dio, il Padre, dal quale sono tutte le cose, e noi viviamo per lui, e un solo Signore, Gesù Cristo, mediante il quale sono tutte le cose, e mediante il quale anche noi siamo" (1 Corinzi 8:5-6). Essi operano affinché "ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre" (Filippesi 2:11). E' allora che i redenti dicono: "Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore" (Romani 5:1).

Il popolo dei redenti trova così pace con Dio. Troverà così, però, pure pace in questo mondo? No, non troverà pace nel mondo, a meno che non faccia col mondo peccaminosi compromessi (come pure talvolta è successo). Sarà infatti combattuto e perseguitato, perché il mondo empio non ha alcuna intenzione di sottomettersi al Dio vero e vivente. Il mondo non vuole neppure sentir parlare della cosa: preferisce, infatti, i propri signori, anche se questo vuol dire scannarsi a vicenda… Come dice la parabola di Gesù, essi dicono: "Non vogliamo che costui regni su di noi" (Luca 19:14).

Il testo biblico

Questa situazione, che ho voluto così sintetizzare, viene profetizzata da Gesù stesso in un Suo discorso, dove Egli parla del disastroso destino storico che, non molti anni dopo la Sua morte e risurrezione, avrebbe avuto Israele, Gerusalemme ed il suo magnifico tempio. Un disastro accompagnato dalla parallela persecuzione ed indicibili sofferenze degli stessi seguaci di Gesù, che si sarebbero così sparsi per il mondo. Non è cosa che sarebbe avvenuta "per caso": né la distruzione del tempio, né la dispersione dei cristiani. Questo è un importante discorso che chiama i cristiani prima di tutto alla consapevolezza storica che ogni cosa si muove secondo gli eterni propositi ed il fine ultimo che Dio si è proposto dall'eternità, di che cosa vuol dire stare dalla parte di Gesù, come pure della necessità della resistenza e della perseveranza [1]. Benché quanto qui Gesù dice, riguardi Israele [2], Egli desiderava rendere attenti i Suoi discepoli a quello che sarebbe avvenuto non solo allora, ma in ogni epoca, fino al tempo del Suo annunciato Ritorno. Leggiamone il testo in Luca 21 dal versetto 5 e poi li esamineremo in dettaglio..

"Alcuni gli fecero notare come il tempio fosse adorno di belle pietre e di doni votivi, ed egli disse: «Verranno giorni in cui di tutte queste cose che voi ammirate non sarà lasciata pietra su pietra che non sia diroccata». Essi gli domandarono: «Maestro, quando avverranno dunque queste cose? E quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per compiersi?». Egli disse: «Guardate di non farvi ingannare; perché molti verranno in nome mio, dicendo: "Sono io"; e: "Il tempo è vicino". Non andate dietro a loro. Quando sentirete parlare di guerre e di sommosse, non siate spaventati; perché bisogna che queste cose avvengano prima; ma la fine non verrà subito». Allora disse loro: «Insorgerà nazione contro nazione e regno contro regno; vi saranno grandi terremoti, e in vari luoghi pestilenze e carestie; vi saranno fenomeni spaventosi e grandi segni dal cielo. Ma prima di tutte queste cose, vi metteranno le mani addosso e vi perseguiteranno consegnandovi alle sinagoghe, e mettendovi in prigione, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome. Ma ciò vi darà occasione di rendere testimonianza. Mettetevi dunque in cuore di non premeditare come rispondere a vostra difesa, perché io vi darò una parola e una sapienza alle quali tutti i vostri avversari non potranno opporsi né contraddire. Voi sarete traditi perfino da genitori, fratelli, parenti e amici; faranno morire parecchi di voi; e sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma neppure un capello del vostro capo perirà. Con la vostra costanza salverete le vostre vite" (Luca 21:5-19).

1. Un luogo che non è automaticamente garanzia. "Alcuni gli fecero notare come il tempio fosse adorno di belle pietre e di doni votivi" (5). Il tempio di Gerusalemme, nel mondo antico, era ampiamente riconosciuto per la sua bellezza. Tacito lo chiama "immensamente opulento" e Giuseppe Flavio lo compara ad una bella montagna con la cima coperta di neve.

Non si trattava solo di un edificio impressionante nella sua architettura e decorazioni, ma anche di un luogo sacro "intoccabile", segno e "garanzia" della presenza di Dio accanto al popolo che Egli aveva eletto come il proprio tesoro particolare. La "solidità" delle realizzazioni umane e la "garanzia" della benedizione di Dio, lo rendevano in qualche modo di per sé stesso una sorta di "sacramento" per rafforzare la fede, per infondere fiducia e sicurezza. Si trattava, però più che di fiducia di sicumera, di presunzione.

Non avevano ancorta imparato la lezione impartita da Dio attraverso il profeta Geremia:

"Non ponete la vostra fiducia in parole false, dicendo: 'Questo è il tempio del SIGNORE, il tempio del SIGNORE, il tempio del SIGNORE!' Ma se cambiate veramente le vostre vie e le vostre opere, se praticate sul serio la giustizia gli uni verso gli altri, se non opprimete lo straniero, l'orfano e la vedova, se non spargete sangue innocente in questo luogo, e non andate per vostra sciagura dietro ad altri dèi, io allora vi farò abitare in questo luogo, nell paese che allora diedi ai vostri padri per sempre. Ecco, voi mettete la vostra fiducia in parole false, che non giovano a nulla. Voi rubate, uccidete, commettete adulteri, giurate il falso, offrite profumi a Baal, andate dietro ad altri dèi che prima non conoscevate, e poi venite a presentarvi davanti a me, in questa casa sulla quale è invocato il mio nome. Voi dite: 'Siamo salvi!' Perciò commettete tutte queste abominazioni. È forse, agli occhi vostri, una spelonca di ladri questa casa sulla quale è invocato il mio nome? Ecco, voi mettete la vostra fiducia in parole false, che non giovano a nulla. Voi rubate, uccidete, commettete adulteri, giurate il falso, offrite profumi a Baal, andate dietro ad altri dèi che prima non conoscevate, e poi venite a presentarvi davanti a me, in questa casa sulla quale è invocato il mio nome. Voi dite: 'Siamo salvi!' Perciò commettete tutte queste abominazioni. È forse, agli occhi vostri, una spelonca di ladri questa casa sulla quale è invocato il mio nome? Ecco, tutto questo io l'ho visto", dice il SIGNORE. "Andate al mio luogo che era a Silo, dove una volta avevo messo il mio nome, e guardate come l'ho trattato, a causa della malvagità del mio popolo d'Israele. Ora, poiché avete commesso tutte queste cose", dice il SIGNORE, "poiché vi ho parlato, parlato fin dal mattino, e voi non avete dato ascolto, poiché vi ho chiamati e voi non avete risposto, io tratterò questa casa, sulla quale è invocato il mio nome e nella quale riponete la vostra fiducia, e il luogo che ho dato a voi e ai vostri padri, come ho trattato Silo: vi caccerò dalla mia presenza, come ho cacciato tutti i vostri fratelli, tutta la discendenza di Efraim". Ecco, tutto questo io l'ho visto", dice il SIGNORE. "Andate al mio luogo che era a Silo, dove una volta avevo messo il mio nome, e guardate come l'ho trattato, a causa della malvagità del mio popolo d'Israele. Ora, poiché avete commesso tutte queste cose", dice il SIGNORE, "poiché vi ho parlato, parlato fin dal mattino, e voi non avete dato ascolto, poiché vi ho chiamati e voi non avete risposto, io tratterò questa casa, sulla quale è invocato il mio nome e nella quale riponete la vostra fiducia, e il luogo che ho dato a voi e ai vostri padri, come ho trattato Silo: vi caccerò dalla mia presenza, come ho cacciato tutti i vostri fratelli, tutta la discendenza di Efraim" (Geremia 7:8-15).

2. Una rivelazione dei decreti di Dio. "...ed egli disse: «Verranno giorni in cui di tutte queste cose che voi ammirate non sarà lasciata pietra su pietra che non sia diroccata»" (6).

Gesù qui predice la totale distruzione del tempio, che sarebbe avvenuta nell'anno 70 AD. Questa predizione è ben documentata nei vangeli ed in Atti [3]. Gesù non solo prevede questi fatti come probabili, magari come verosimile ritorsione dei Romani contro l'indipendentismo israelita che sempre cercava occasione di innescare una rivolta. Gesù non dice che questi fatti siano "molto probabili", ma li indica come una certezza. Egli vedeva di fatto ciò che Dio ha disposto per la storia umana, nella quale nulla accade che Dio non abbia decretato. Dio si propone precisi obiettivi per la storia umana ed ogni cosa si muove verso il fine per cui è destinata, anche fatti tragici che avvengono per il decreto concessivo di Dio sulla base delle dinamiche di causa ed effetto che pure Egli ha disposto. Le forze umane in gioco in questi eventi rimangono pienamente responsabili dei loro atti, ma tutto avviene secondo quanto Dio ha disposto.

Quegli avvenimenti accadono esattamente come sarebbe avvenuta la morte violenta di Cristo in croce: "...quest'uomo, quando vi fu dato nelle mani per il determinato consiglio e la prescienza di Dio, voi, per mano di iniqui, inchiodandolo sulla croce, lo uccideste" (Atti 2:23). Gesù qui rivela che cosa sarebbe avvenuto per i decreti di Dio e lo fa per manifestare la Sua grazia al Suo popolo che, così preavvertito, si sarebbe preparato per questi eventi prendendone le misure necessarie. Come nulla avviene che possa sorprendere Dio, così il Suo popolo non si sarebbe dovuto sorprendere di questi fatti. La distruzione del tempio di Gerusalemme e la dispersione di Israele era espressione del Giudizio di Dio, così come la morte di Cristo in croce è espressione della Grazia di Dio per la salvezza di coloro che Gli appartengono.

3. La prospettiva si allarga. "Essi gli domandarono: «Maestro, quando avverranno dunque queste cose? E quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per compiersi?»" (7).

Gli israeliti del tempo erano coscienti che la distruzione del Tempio di Gerusalemme non sarebbe stato solo un tragico "incidente", ma sarebbe stato un evento di portata storica che avrebbe segnato l'inizio di una nuova era. Pietro, Giacomo e Giovanni ne erano consapevoli. Essi non chiedono a Gesù tanto "un segno" che dimostri la verità delle sue parole, come se essi ne fossero stati increduli, ma essi sapevano che quell'avvenimento sarebbe stata di fatto la fine del Giudaismo così come essi lo conoscevano. Non si sbagliavano. Quando i Babilonesi avevano distrutto il primo tempio nel 586 a. C. per i Giudei ne era risultato un disastro e la loro dispersione. Ora Gesù annunciava una simile catastrofe, ed erano persuasi che essa avrebbe segnato il Ritorno del Signore e, con la fine dell'era presente, l'inizio dell'era messianica [4]. Gli evangelisti Matteo e Marco si concentrano, nei loro vangeli, su quanto Gesù specificatamente risponde sul Suo ritorno, ma Luca mette in rilievo quanto Gesù dice sul fatto che la distruzione del tempio ed il ritorno di Cristo non sarebbero avvenuti simultaneamente, ma vi sarebbe stato un periodo intermedio. Gli ammonimenti di Gesù, difatti, sono precisi:

4. Fatti non determinanti. "Egli disse: «Guardate di non farvi ingannare; perché molti verranno in nome mio, dicendo: "Sono io"; e: "Il tempo è vicino". Non andate dietro a loro. Quando sentirete parlare di guerre e di sommosse, non siate spaventati; perché bisogna che queste cose avvengano prima; ma la fine non verrà subito. Allora disse loro: «Insorgerà nazione contro nazione e regno contro regno. Vi saranno grandi terremoti, e in vari luoghi pestilenze e carestie; vi saranno fenomeni spaventosi e grandi segni dal cielo" (8-11).

Gesù dice loro: "State in guardia … molti verranno e diranno: Sono io il Messia… Non credete loro!". Essi non dovevano lasciarsi sviare sulla portata di quegli avvenimenti. Essi non dovevano presumere che anche guerre e sommosse, terremoti, pestilenze e carestie, fenomeni spaventosi e segni dal cielo sarebbero stati segni dell'imminente fine perché quelle cose purtroppo accadono continuamente! Allora pure ci sarebbe stato caos sociale e politico, rivoluzioni e fenomeni naturali, ma non avrebbero segnalato necessariamente i tempi della fine. Gesù non sottovaluta qui la tragicità di simili avvenimenti, ma la necessità di evitare la distretta emotiva paralizzante che avrebbero potuto suscitare. Non si tratta di cose sorprendenti per questo mondo decaduto, ma purtroppo, di "cose normali".

Per altro, il Ritorno di Gesù sarebbe venuto in modo inatteso cogliendo il mondo di sorpresa, vale a dire senza segni premonitori. L'Apostolo scrive: "Quanto poi ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; perché voi stessi sapete molto bene che il giorno del Signore verrà come viene un ladro nella notte. Quando diranno: «Pace e sicurezza», allora una rovina improvvisa verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno. Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, così che quel giorno abbia a sorprendervi come un ladro; perché voi tutti siete figli di luce e figli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre" (1 Tessalonicesi 5:1-5).

Ancora oggi tragici avvenimenti naturali, sociali e politici mettono in agitazione molti che danno retta a pseudo-profezie e pseudo-profeti. Parlano magari di imminente fine del mondo e mettono in agitazione molti. La fine di ogni cosa, però, avverrà solo ed esclusivamente secondo la successione degli avvenimenti prevista dalle Sacre Scritture e non altrimenti. Nessun motivo per agitarsi, dunque, ad eccezione del fatto che, nel nostro caso, al ritorno di Cristo, dobbiamo sempre dimostrarcene pronti, vale a dire sempre all'opera, fiduciosi ed ubbidienti a Lui.

5. Inevitabili persecuzioni. "Ma prima di tutte queste cose, vi metteranno le mani addosso e vi perseguiteranno consegnandovi alle sinagoghe, e mettendovi in prigione, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome … Voi sarete traditi perfino da genitori, fratelli, parenti e amici; faranno morire parecchi di voi e sarete odiati da tutti a causa del mio nome" (12, 16-17).

Al versetto 12 del nostro testo, Luca di fatto interrompe l'insegnamento di Gesù sulla distruzione del tempio. E' chiaro che Gesù aveva allargato la Sua prospettiva dalle guerre che avrebbero preceduto la distruzione di Gerusalemme, fino ad includere guerre posteriori, quelle che avrebbero preceduto il Suo ritorno sulla terra. A quel tempo i discepoli di Gesù non avrebbero forse compreso questa differenza, ma al tempo in cui Luca scrive il suo vangelo la differenza era diventata più chiara. Saranno rivelazioni posteriori a darci maggiori informazioni su questi argomenti (in particolar modo Apocalisse [5]), tribolazioni per altro già predette nell'Antico Testamento [6]. Parte dell'adempimento di questo può essere visto nel libro degli Atti degli Apostoli. I cristiani sarebbero stati oggetto di un sistematico ostracismo da parte degli ebrei ortodossi prima e poi da parte dei leader politici del paganesimo.

Perché mai? Ci si potrebbe chiedere. I cristiani non sono forse buoni e gentili, fondamentalmente innocui, anzi, benefici per la società. Non è vero? Eppure i cristiani fedeli sarebbero diventati "pericolosi". Perché? Fondamentalmente perché servivano un Signore molto più alto dei signori di questo mondo che pretendono sottomissione ed ubbidienza. I cristiani autentici non sarebbero stati una massa manipolabile dal potente di turno, ma cittadini dotati di spirito critico e di "ubbidienza limitata", limitata da ciò che il loro Signore, Cristo stabilisce come vero e giusto. Chi diventa servo di Dio non è più servo di chi ha usurpato il potere su questo mondo, dittatori, re e presidenti, ma in ultima istanza Satana stesso. I cristiani sono stati liberati dalla schiavitù del peccato e da coloro che del peccato fanno il loro stile di vita. "Un tempo" erano loro sottomessi: "...ai quali un tempo vi abbandonaste seguendo l'andazzo di questo mondo, seguendo il principe della potenza dell'aria, di quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli" (Efesini 2:2), dice l'Apostolo.

I cristiani fedeli subiranno persino ostracismo e persecuzioni da parte dei loro stessi familiari ed amici, essi ne saranno persino ucccisi. Non vogliono, infatti, che la loro vita di servitori del peccato e di Satana sia messa in questione neanche da una testimonianza silenziosa. "C'è da sorprendersi che i cristiani fedeli, quelli che "non servono due padroni" ma uno solo, siano perseguitati? No, e fino nel nostro secolo, in cui si osserva come i cristiani siano perseguitati in tutto il mondo come mai prima nella storia. Perché: perché Satana vuole essere incontrastato e pateticamente si darà molto più da fare nel tempo precedente il Ritorno di Cristo, quando lui sarà definitivamente sconfitto." 6. Una preziosa occasione di testimonianza. La persecuzione e le sofferenze dei cristiani fedeli, però, non servirà per farli tacere (secondo le intenzioni dei loro persecutori), ma ironicamente per aumentare la forza della loro stessa testimonianza! Cristo, infatti, dice: "Ma ciò vi darà occasione di rendere testimonianza" (13). E' la testimonianza alla verità in un mondo di menzogne, testimonianza di vita vera e significativa in un mondo fondato sulla morte. E' questa la testimonianza insopprimibile che metterà a tacere Satana. Infatti, "Egli è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità, perché non c'è verità in lui. Quando dice il falso, parla di quel che è suo perché è bugiardo e padre della menzogna" (Giovanni 8:44).

Che diremo, però, di fronte ai nostri persecutori? Sembrano dire i discepoli a Gesù. Non sappiamo parlare bene. Gesù, però, risponde: "Mettetevi dunque in cuore di non premeditare come rispondere a vostra difesa perché io vi darò una parola e una sapienza alle quali tutti i vostri avversari non potranno opporsi né contraddire" (14-15). Non vi preoccupate, non è necessario "premeditare" la vostra risposta come chi fa le prove per uno spettacolo o un discorso. Sarà lo Spirito Santo a mettere nella vostra bocca ciò che sarà convenevole per esaltare Cristo. E' la promessa che fa loro Dio stesso [7] ai Suoi fedeli. Contate sulla sapienza che vi fornirà in quel momento lo Spirito di Cristo [8]. Allora scopriranno come la loro testimonianza si rivelerà molto potente, come dimostra la storia della chiesa primitiva [9], dei cristiani tutti dei primi secoli e tutt'attraverso la storia della Chiesa. La "grande tribolazione" è l'intero periodo della Chiesa, fino al promesso Ritorno di Cristo.

7. Una preziosa promessa. Al termine di questo testo, troviamo due promesse che il Signore Gesù fa a quei Suoi discepoli che manifesteranno determinazione e perseveranza: A. "...neppure un capello del vostro capo perirà" (18), e B. "Con la vostra costanza salverete le vostre vite" (19). Che cosa significano queste promesse? Possono infatti essere facilmente equivocate.

"...neppure un capello del vostro capo perirà", o "cadrà" non deve essere inteso letteralmente perché di fatto anche la profezia di Gesù indica come molti cristiani dovranno perdere la loro vita per amor Suo. Questo vuol dire che "nessun capello del loro capo cadrà" senza la speciale provvidenza di Dio, non senza ricompensa, non prima del tempo dovuto. Gli stessi cristiani della Palestina, preavvisati da questo stesso discorso di Gesù, sarebbero fuggiti dalla città prima di essere attaccata e distrutta e, a differenza dalla massa di Giudei che vi abitava, che sarebbero stati sterminati, ne avrebber avuto salva la vita. Un'altra interpretazione legge questo versetto come: "nessun male sarebbe caduto loro addosso senza il permesso di Dio [10], oppure una protezione spirituale.

La seconda promessa: "Con la vostra costanza salverete le vostre vite" potrebbe essere tradotto "preserverete" o "guadagnerete" la vostra vita. Non lascerete questo mondo se non quando Dio lo riterrà opportuno (non secondo le pretese dei vostri avversari). In ogni caso questo non significa che la costanza dei martiri farà loro guadagnare la salvezza, perché l'insegnamento biblico è chiaro sul fatto che la salvezza, la giustificazione procede dalla fede e non è il risultato di ciò che noi facciamo, com'è scritto: "...sappiamo che l'uomo non è giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, e abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; perché dalle opere della legge nessuno sarà giustificato" (Galati 2:16). Il testo significa che la perseveranza fino alla fine, dono di Dio, sarà prova della loro salvezza e risulterà nella loro certa e finale glorificazione.

Conclusione

Gesù nel discorso che abbiamo esaminato oggi, parla profeticamente del disastroso destino storico che, non molti anni dopo la Sua morte e risurrezione, avrebbe avuto Israele, Gerusalemme ed il suo magnifico tempio. Un disastro accompagnato dalla parallela persecuzione ed indicibili sofferenze degli stessi seguaci di Gesù, che si sarebbero così sparsi per il mondo. Non è cosa che sarebbe avvenuta "per caso": né la distruzione del tempio, né la dispersione dei cristiani. Si tratta di un importante discorso che, come abbiamo vistoi, chiama i cristiani prima di tutto alla consapevolezza storica che ogni cosa si muove secondo gli eterni propositi ed il fine ultimo che Dio si è proposto dall'eternità, di che cosa vuol dire stare dalla parte di Gesù, come pure della necessità della resistenza e della perseveranza. Le grandi opere umane, quand'anche fossero opere religiose, non sono garanzia di per sé stesse della benedizione di Dio: quel che conta è la fede ubbidiente. Essa si pone nel contesto dei vasti propositi di Dio per la storia, propositi dei quali Egli ci rende consapevoli. Gli avvenimenti anche tragici della storia umana sono evidenza perenne di una vita vissuta disattendendo Dio e la Sua volontà, e quindi del Suo giudizio, non necessariamente del tempo della fine. I disastri della storia e le inevitabili perseciuzioni che subiscono i fedeli, per la provvidenza di Dio, diventano, per il Suo popolo preziosa opportunità di testimonianza e sono accompagnati dalle Sue altrettanto preziose promesse. Che il Signore ci renda consapevoli del rilevante posto e funzione che personalmente occupiamo nei grandi progetti di Dio come protagonisti nel teatro della storia che avrà, per noi, per grazia di Dio, di un "lieto fine". I personaggi principali di questa rappresentazione, non sono quelli che compaiono come tali nei libri di storia di questo mondo. Lo siamo ciascuno di noi nei "libri di storia" di Dio! Ciascuno ha la sua parte, ma, piccola o grande che sia, è importante!

Paolo Castellina, 16.11.2013

Note