Catmagwest/catmagwest014

Da Tempo di Riforma.

D/R 13 - indice - D/R 15

14. D. In che modo Dio esegue i Suoi decreti?

R. Dio esegue i Suoi decreti nelle opere della creazione e della provvidenza, secondo la Sua infallibile prescienza e il libero ed immutabile consiglio della Sua volontà (46).

Testo originale

Inglese Latino
14: How does God execute his decrees? A. God executes his decrees in the works of creation and providence, according to his infallible foreknowledge, and the free and immutable counsel of his own will. 14. Q. Quomodo decreta sua exequitur Deo? Deus exequitur decreta sua creationis operibus ac providentiae; secundum prescientiam ipsius infallibilem, voluntatisque suae consilium liberum ac immutabile.

Riferimenti biblici

Riferimenti biblici estesi

  • “In lui siamo anche stati fatti eredi, essendo stati predestinati secondo il proposito di colui che compie ogni cosa secondo la decisione della propria volontà” (Efesini 1:11).

Commento

Dio esegue (mette in atto, effettua, realizza) ciò che ha decretato, operando secondo le modalità della creazione e della provvidenza. La categoria della "creazione" è spiegata nelle D/R 15-17, quella di "provvidenza" nelle D/R 18-20.

L'esecuzione di quanto Dio ha decretato avviene in conformità:

  • alla Sua Infallibile prescienza. La prescienza di Dio, vale a dire, il fatto che Dio conosca in anticipo come le cose si svilupperanno prestabilendone ogni dettaglio, è infallibile (perché al riguardo Egli non sbaglia mai), inclusiva (perché comprende ogni cosa), esatta perché mai imprecisa o semplicemente generale, mai solo "in linea di massima"), e dettagliata (perché riguarda tutti i particolari che la caratterizzano).
  • Si tratta poi di una decisione libera ed immutabile. Il consiglio (anche tradotto "decisione") della volontà di Dio è definita "libero" nel senso che Dio opera sempre secondo la natura che Lo caratterizza, vale a dire, senza che vi sia nulla al fuori da Lui stesso che Lo costringa o Lo possa condizionare a fare in un modo o in un altro. La decisione della volontà di Dio è definita "immutabile" perché i propositi di Dio non possono essere alterati da niente e da nessuno, da alcuna delle Sue creature e nemmeno "dal caso". Ciò che Dio ha decretato verrà sempre a pieno compimento. Non vi può essere né vi sarà mai alcunché che subentri, alcun elemento imprevedibile o imprevisto, che lo possa alterare.

Per approfondire il significato di "prescienza" di Dio, vedi http://riforma.wikispaces.com/attributi_04 A. W. Pink.